Fisioterapia posturale, metodi ed approcci

di | 15 Febbraio 2019

Fisioterapia posturale

Il metodo della fisioterapia posturale deriva direttamente da studi approfonditi e si basa su una netta distinzione di comportamento e ruolo dei muscoli della statica e dei muscoli della dinamica.

La postura è la posizione del corpo rispetto allo spazio e la relativa relazione tra i suoi segmenti corporei.

Gli errori posturali più comuni, anche se modesti, con il passar del tempo possono provocare grossi disagi e patologie.
La fisioterapia posturale esiste già dal 1981 ed è un metodo di riabilitazione osteo-muscolare che si basa sul principio che l’attività dei muscoli è divisa in dinamica e statica.

Questo tipo di fisioterapia agisce sulle catene muscolari riallungando i muscoli che risultano tesi e retratti, essendo responsabili di numerose patologie tra i quali Cervicalgie, Lombalgie, Lombosciatalgie, Ernie del disco, Artrosi e Pubalgie.

La fisioterapia posturale ha l’obbiettivo appunto di rimettere in linea i segmenti corporei e di mantenerli tali nel tempo con una postura corretta.
Valutando le differenze di tensione e con esercizi molto dolci, talvolta accompagnati dalla guida di un fisioterapista sarà possibile risolvere moltissime patologie di postura.

I metodi applicati sono adattati alle esigenze specifiche dei pazienti e alle richieste specifiche del medico curante : mcenzie, rpg, feldenkrais, mezieres, souchard, metodo raggi (pancafit).
L’obiettivo finale sarà la riduzione o l’eliminazione del dolore, il recupero della funzionalità muscolare e articolare e la propriocettività.