Acne, cause e rimedi naturali

Acne, cause e rimedi naturali

25 Settembre 2019 Off Di SaluteBenessereDiete.it

La forma più comune di questa malattia della pelle è l’acne vulgaris. Ed è causata dall’aumento di ormoni androgeni che provocano una infiammazione diffusa della pelle. Di conseguenza abbiamo anche un aumento di sebo che combinandosi con la pelle morta già presente, si ostruisce il poro di respirazione della pelle causando l’infiammazione.

Questo tipo di acne è quello che si vede di più e che in viso produce veramente un effetto poco estetico. E’ spesso diffuso nell’adolescenza di donne e uomini, ed è uno dei motivi di disagio psicologico più forti. Molti adolescenti possono avere ripercussioni sulla vita sessuale, perché l’impatto psicologico per via dell’antiesteticità dell’acne provoca blocchi verso l’altro sesso. In genere però questi problemi spariscono con la fine dell’adolescenza, ma tutto dipende dal carattere innato della persona. Molti caratteri non forti possono avere molti problemi psicologici per via anche di sfortuna, se il fenomeno dell’acne si protrae anche in età adulta.

acne

acne

Acne rosacea cause rimedi

Il tipo rosacea dell’acne si manifesta sul naso, sulle guance, sul mento e sulla fronte. A differenza della classica acne, questa variante si manifesta soprattutto negli adulti.

In alcuni casi gravi questo tipo di acne può sfociare in un rinofima, ma sempre comunque antiesteticamente porta ad avere la pelle grassa e con un diffuso rossore irregolare. Talvolta può sfociare anche nell’acne seborrea e si può avere anche gonfiore agli occhi, alle palpebre, blefarite e cheratite.

Si consiglia anche un abbondante consumazione giornaliera di vitamina A.

Le cause sono ancora del tutto irrisolte. Le persone con la carnagione chiara sono quelle che risentono più frequentemente del problema.

Trattamenti risolutivi ancora non ce ne sono, e quindi è molto difficile guarire completamente. Si consiglia caldamente di evitare esposizioni al sole, utilizzare creme protettive se proprio si vuole farlo. Sono caldamente sconsigliati i cibi piccanti. Le bevande fredde consentono un piccolo sollievo, mentre quelle calde accentuano il problema. L’alcol va consumato con molta moderazione.

L’acne rosacea è un tipo di acne che colpisce più spesso negli adulti. Questa malattia ha la caratteristica di riempire il viso di arrossamenti, nelle guance, sul naso e sulla fronte. Spesso il rossore è accompagnato da una produzione amplificata di grasso e nei casi più gravi, il naso aumenta di grandezza e può deformarsi leggermente creando una brutta irregolarità antiestetica. Questo tipo di acne colpisce maggiormente persone di carnagione chiara e può sfociare in seborrea, con gonfiore degli occhi e alle palpebre, blefarite e cheratite.
Attualmente l’origine dell’acne rosacea è ancora sconosciuta, ma esistono dei rimedi che possono essere i seguenti:

– Evitare di esporsi troppo al sole
– Limitare l’abuso di alcol
– Non fare sforzi fisici eccessivi
– Non mangiare troppi cibi piccanti

Un grosso aiuto contro l’acne rosacea è l’isotretinoina perché tende a limitare il verificarsi di papule e pustole

Assunzione di vitamina A aiuta molto a velocizzare la cicatrizzazione, mentre vitamina C è un aiuto per la riduzione delle infiammazioni.

Rimedi o cura acne vulgaris ( volgare ) naturali e creme

Il tipo di acne chiamata vulgaris o volgare è quella più diffusa e può comparire prevalentemente nei maschi, dato che la causa più comune è l’aumento di sebo dovuto all’incremento degli ormoni androgeni nell’adolescenza. Questo aumento di sebo si mischia negativamente con la presenza di cellule morte sulla pelle causando un intasamento del follicolo pilifero.

I rimedi più comuni sono stati ideati proprio per impedire questo processo. Pulendo innanzitutto la pelle in maniera adeguata, si ottiene la prima cura contro questo problema eliminando sebo in eccesso e le cellule morte.

Il rimedio che cura l’acne talvolta è dato da creme, da un controllo sull’alimentazione e sugli ormoni ma è bene consultare un dermatologo per farsi prescrivere la cura più adatta al proprio organismo.

Le lesioni esterne che si vedono con l’ostruzione del follicolo pilifero sono variabili e vengono spesso identificati come brufoli.

Una conseguenza naturale della comparsa dell’acne vulgaris o volgare è psicologica, infatti è proprio nel periodo che si manifestano le prime lesioni visibili sulla pelle che coincidono i primi istinti sessuali in uomini e donne.

Le carte in gioco sono molteplici. Mentre una predisposizione genetica alla comparsa naturale dell’acne può provocare l’inibizione degli istinti sessuali per via del problema estetico, una componente genetica che determina un carattere forte può compensare le cose.

E’ comune che se l’acne volgare nei giovani si manifesta in maniera molto forte, può succedere che le lesioni provocate sulla pelle persistano anche in età adulta, con cicatrici. Camedoni, pustole, noduli e cisti possono provocare avvallamenti e macchie sulla pelle che è difficile curare.

Acne al viso in età adulta o tardiva creme di acido salicilico e di zolfo

L’acne è un problema che si manifesta molto durante l’adolescenza, ma è possibile avere questo problema alla pelle anche in età adulta. Di solito l’attività ormonale di un adolescente è molto instabile e può avere aumenti e periodi livellati. Alcuni individui anche quando sono adulti, possono avere sbalzi degli ormoni e tale instabilità può causare l’acne.

Quest’ acne così tardiva può essere influenzata anche da fattori che nell’adolescenza possono non esserci o almeno manifestarsi in misura inferiore. Infatti stress, inquinamento ambientale e ogni cosa che ostruisce la pelle è da considerare.

Le cure più diffuse sono a base di creme di acido salicilico e di zolfo o a base di perossido di benzoile, retinolo e isotretinoina.

Nelle donne la comparsa dell’acne può manifestarsi nella gravidanza per via dell’aumento di ormoni, ma anche nel periodo premestruale o in presenza di cisti nelle ovaie.

Anche le ghiandole surrenali possono entrare in gioco in età adulta, infatti con lo stress entrano in funzione producendo ormoni in eccesso.

Se l’acne è di tipo cronico con frequenti ricadute e periodi di stabilità, è molto facile che si ripercuota anche in età adulta per via di una predisposizione più profonda nell’organismo.

Alcune cure a base di a base di creme di acido salicilico e di zolfo, vengono erroneamente usate con criteri di automedicazione ma è considerato un grosso errore. Non bisogna prendere iniziativa ed è sempre giusto prima consultare un medico, prima di fare dell’autodiagnosi e incorrere in rischi di ogni tipo.

Per le donne che sono affette da acne, è consigliato evitare trucchi grassi. I miglioramenti che ne derivano da una corretta pulizia del viso negli adulti, sono molto più forti di quelli che si possono ottenere nascondendo il problema con troppa ostinazione.

Acne conglobata del sesso maschile cronica

L’acne conglobata è un tipo di acne che colpisce soprattutto gli uomini di razza bianca. Questo tipo di acne comincia con l’adolescenza ma può persistere anche fino a quaranta anni di età e porta spesso alla creazione di noduli. Generalmente i pazienti colpiti erano già affetti da acne vulgaris. Generalmente si creano anche cicatrici perché l’acne conglobata crea spesso papule, pustole, cisti e accessi. L’acne conglobata colpisce raramente il viso a differenza di altri tipi di acne. Compare più che altro sul torace, schiena, gambe, glutei, addome e braccia. Quando questo tipo di acne viene anche interessato da una infiammazione estesa, allora compare anche febbre e stanchezza.

Da analisi di laboratorio è stato visto che all’interno dell’acne conglobata sono stati scoperti anche stafilococchi coagulatasi positivi e gli streptococchi beta emolitico, ma non è stata collegata la loro presenza con la malattia.

Questo tipo di acne infine non si può curare con creme o con farmaci semplici. Occorre assumere antibiotici o corticosteroidi sistemici, che spesso vengono usati anche per le labbra.

Acne cheloidea molto grave alla nuca cure e trattamenti

L’acne cheloidea è un tipo di acne molto grave che colpisce prevalentemente uomini di razza africana, ma si sta diffondendo anche tra i bianchi americani e europei. Si localizza spesso dietro la nuca, infatti viene chiamata spesso acne cheloide nucale. Questo tipo di acne  comincia con delle infiammazioni in prossimità del capello, ma poi si estendono a tutta la zona occipitale se non vengono trattate.

E’ molto difficile sapere se chi ha sofferto di altri tipi di acne, può sviluppare anche quella di tipo cheloidea, ma è bene andare subito da un dermatologo al momento in cui si cominciano a rilevare molte bolle nella parte inferiore e superiore del collo e soprattutto se alcune parti del cuoio capelluto rimangono con pochi capelli e diventano dure.

Essendo nata tra le popolazioni africane, si presume che ci sia qualche nesso con la pratica del taglio dei capelli della parte inferiore della nuca con il rasoio. Anche indossare colletti molto che sfregano continuamente con la parte inferiore del collo, può essere un agente scatenante per questa malattia.

L’acne si può presentare anche nei neonati e bambini

L’acne del bambino può dipendere da ormoni materni ancora presenti nel corpo del bambino, e si presenta sulle guance, sul mento e fronte. Ne viene colpito il 20% circa dei neonati e a prima vista può apparire come un semplice rossore con un po’ di bollicine, ma può anche presentarsi qualche puntino bianco.

Di solito si presenta nella terza settimana di vita, ma può presentarsi anche al momento della nascita.

Il bambino può presentare l’acne anche sul cuoio capelluto, ma spesso questa forma sparisce dopo i primi 4 mesi. E’ importante portare il bambino da un dermatologo solo dopo questi 4 mesi, per valutare l’applicazione di perossido di benzoile o creme a base di retinoidi.

Non c’è nessun nesso tra l’acne che si può manifestare da bambino e acne che hanno avuto i genitori in passato, così anche non c’è nesso tra l’acne che il bambino avrà eventualmente in tenera età e quella che potrebbe indipendentemente avere nell’adolescenza.

Acne mentoniera o acne sul mento diffusa soprattutto nelle donne

L’acne mentoniera è diffusa soprattutto nelle donne, infatti è più frequente che la comparsa avvenga durante il ciclo mestruale. Questo tipo di acne si sviluppa soprattutto sulle guance, sul mento, sul collo, sulle spalle, sulle braccia, sulle gambe e sui glutei. Sul mercato è possibile trovare diversi rimedi, ma per chi desidera soluzioni più forti, si può ricorrere a trattamenti laser.

Altri trattamenti meno invasivi consistono nel lavare il visto un po’ prima dell’inizio del ciclo mestruale, con dei detergenti neutri e delicati. Prima del ciclo inoltre, è consigliabile aumentare un po’ l’apporto di frutta e verdura per contenere il problema cutaneo.

Cause e fattori che possono creare l’acne nelle donne

Nelle donne come per gli uomini, la produzione di acne aumenta quando ci si trova in piena adolescenza. Infatti come per i maschi, aumenta l’ormone principale femminile che di conseguenza fa aumentare la produzione di sebo.

Un periodo importante che determina l’aumento o la diminuzione dell’acne è al momento in cui si comincia ad usare la pillola contraccettiva. Anche se in alcuni casi più rari la pillola può portare ad un aumento dell’acne e quindi della produzione di sebo, di solito quando si comincia a fare uso di pillole contraccettive allora l’acne va diminuendo in quanto viene regolata meglio la produzione di ormoni. Infatti è proprio prima e dopo il ciclo mestruale che si verificano i picchi in alto degli effetti dell’aumento di sebo e quindi dell’acne.

Dato che il problema della depressione è più diffuso nelle donne, è più diffuso anche lo sfogo di acne che può avvenire con l’uso di particolari antidepressivi prescritti.

Acne provocata dai cosmetici e dal makeup

L’acne cosmetica è quella provocata dall’utilizzo di cosmetici su pelli che sono predisposte all’acne. Infatti se la pelle  reagisce male e vengono fuori problemi di acne, può essere una somma di concause tra cui anche le infezioni create dal rigetto di elementi chimici estranei di cui sono composti i cosmetici.

Molte ragazze resistono bene al trucco, ma esistono prodotti di scarsa qualità che possono generare più facilmente reazioni da parte della pelle.

E’ bene dire che i maggiori problemi si avevano prima degli anni ’80, dopo la ricerca e il raffinarsi dei prodotti di cosmetica questi problemi sono scomparsi ma possono riproporsi ovviamente con l’utilizzo di prodotti per il make up scadenti.

I prodotti di tipo comodogeno sono quei prodotti che intasano i follicoli piliferi, quindi vanno utilizzati solo quei prodotti di tipo non comodogeni che lasciano respirare bene i pori.

Il consiglio è quello di provare a non usare prodotti per un po’ di giorni se si è verificata la comparsa di acne, per avere primi indizi sulle cause che possono dipendere dai cosmetici che utilizziamo. Altri consigli non ce ne sono, oltre a quello di procedere per esclusione.

Acne prurito aiuto e sintomi di questo fastidio

L’acne può non essere evidente a chi ci osserva, l’infiammazione però dei pori può portare a dolore e prurito. L’acne per molte persone è problematica per le cicatrizzazioni che si possono formare. Spesso il prurito dell’acne può essere provocato da una lunga esposizione al sole, oppure dopo aver utilizzato una crema sbagliata che magari secca troppo la pelle o provoca l’effetto contrario.

L’acne e il prurito dei brufoli sotto pelle possono essere causati da ormoni nell’età adolescenziale. Con l’avanzare degli anni le cause potrebbero essere i fattori atmosferici, lo smog o un’alimentazione sbagliata. Quando il problema è consistente bisogna rivolgersi presto ad uno medico. La pelle è un organo molto delicato che bisogna trattare con cura perché ci dia maggiori soddisfazioni e perché non ci tradisca con il passare del tempo.

E’ molto facile e istintivo grattarsi in presenza di acne con prurito, ma bisogna resistere alla tentazione fino a che siamo ci si è fatti visitare e chiesto aiuto da uno specialista dermatologo, perché i danni che può provocare l’acne con prurito sono peggiori se ci si lascia andare a grattarsi.

La pelle è un organo delicato che va trattato con estrema cura.

La pelle potrebbe subire delle alterazioni anche a causa dello stress. Quindi moderare i ritmi, perché la frenesia potrebbe portare alla precoce formazione di rughe e anche alla formazione di brufoli o dei tanto odiati herpes su labbra e naso.

acne

acne

Vitamine per l’acne utili per il trattamento

Gli ingredienti naturali che sono consigliati per la cura dell’acne sono le vitamine perché non hanno effetti naturali e aiutano tutte le patologie di cui potremmo soffrire.

La vitamina A rafforza la pelle e i tessuti e crea un freno alla formazione dell’acne. La secrezione di sebo dalle ghiandole sebacee, diventa più forte per via della migliore efficienza.

La vitamina B1 è importante perché è responsabile assieme ad altri fattori, del consumo di energia nel nostro corpo. La migliore digestione quindi, unita ad un metabolismo più equilibrato previene il formarsi di acne per via dei problemi digestivi.

La vitamina B2 è essenziale per un sano aspetto dell’epidermide, dei capelli e anche delle unghie. Una carenza di questa vitamina sicuramente può aumentare il rischio e le complicanze che portano alla formazione dell’acne.

La vitamina B3 sicuramente è una soluzione naturale per abbassare il livello dello stress, che come risaputo è un possibile fattore che può scatenare l’acne ma anche molte altre malattie della pelle.

La vitamina B5 è utile per il funzionamento del sistema immunitario e da un giovamento alla difesa dei batteri che causano l’acne.

In sostanza tutto il gruppo di vitamine B.

Il Cromo riduce le infezioni della pelle.
Lo Zinco aiuta ad evitare la formazione di cicatrici e aiuta il processo di guarigione di tessuti, è perciò molto importante per prevenire la generazione dell’acne. Coloro che hanno l’acne possono essere carenti in zinco.
La Vitamina E aiuta a migliorare la guarigione e la rigenerazione dei tessuti. Inoltre, evita la formazione dei radicali liberi e l’ossidazione dei lipidi.

Rimedi naturali acne con il limone, lo zinco, l’aglio. Curare i brufoli

Uno degli argomenti più trattati fra la popolazione giovanile, è l’acne e i rimedi naturali per l’acne. E’ un problema molto diffuso per la pelle ed è quasi sempre causata da una infiammazione delle ghiandole e dei follicoli sebacei. Le lesioni che si manifestano, sono visibili e soprattutto sul viso. Il fattore di diffusione dell’acne tra i giovani, arriva a una persona su dieci e spesso accompagna anche altri problemi come ad esempio psicologici per via della vergogna che può provare un individuo per l’aspetto inconsueto deriso dai compagni poco sensibili.

Oltre a diversi tipi di rimedi naturali per l’acne, esistono sicuramente delle cause che se prese alla fonte, possono ridurre il manifestarsi del problema come ad esempio regolando l’alimentazione o curando la stitichezza cronica.

Si può cominciare a parlare di rimedi naturali per l’acne, iniziando a parlare dell’aloe che fin da i tempi più remoti veniva utilizzata anche per risolvere i problemi causati da bruciature e fastiti all’intestino. L’aloe è quindi poi stato scoperto essere un ottimo rimedio naturale per la cura dell’acne. E’ sufficiente una applicazione costante sulla parte interessata, per poter vedere nel corso dei giorni significativi miglioramenti.

Curare l’acne col limone

Applicare succo di limone si è constatato ufficialmente come spesso è un buon metodo per contrastare l’acne.

Trattare l’acne assumendo le giuste vitamine

Due tipi di vitamine, la A e la niacina, portano a dei successi per trattare l’acne.

Trattare l’acne usando lo zinco

Lo zinco è risultato un rimedio molto efficace per combattere l’acne, anche in casi gravi. Lo zinco è reperibile in pasticche o capsule.

Un rimedio naturale per l’acne usando la buccia dell’arancia

Basta colpire la buccia d’arancia con una pietra e dell’acqua, e poi usarla sulle parti della pelle attaccate dall’acne.

Trattare l’acne usando l’aglio

Strofinare l’aglio crudo sull’acne, più volte al giorno. L’uso esterno di aglio aiuta a pulire la pelle da brufoli e punti neri. Anche assumere tre semi di aglio crudo per ogni giorno aiuta a purificare la circolazione sanguigna.

Trattare l’acne usando il cetriolo

Applicare delle fette di cetriolo sulle guance, sulla fronte e sugli occhi è sempre stato uno dei metodi più conosciuti: previene i punti neri e i brufoli.