Allergia al nichel negli alimenti. Cibi da evitare e sintomi

Alimenti con Nichel, attenzione alle allergie

L’allergia al nichel è molto diffusa e quasi tutti noi ne abbiamo sentito parlare almeno una volta. Il nome deriva dal nichel, che in svedese è il riduttivo di Nicolaus che ha il significato di: “persona da poco” o “folletto”.
Negli ultimi tempi si riscontra un aumento di casi, che oltre l’allergia che avviene per il contatto insorge anche per quelle percentuali di nichel che si trovano nei cibi.

Parliamo, riguardo al nichel, di uno dei maggiori e potenti allergizzanti,  che poi sia frequentemente presente in oggetti comunemente usati tutti i giorni nella nostra vita, rende la relativa dermatite da contatto particolarmente diffusa e purtroppo di facile diffusione giornaliera..

Il nichel è presente nelle lenticchie, nei fagioli, nelle nocciole, nel cacao e nella liquirizia per elencare proprio quelli che ne hanno una discreta quantità, ma ci sono anche asparagi, cipolle, funghi, kiwi e pomodoro che ne contengono comunque un po’.
L’intolleranza o l’allergia al nichel sono particolarmente spiacevoli, infatti questo metallo è veramente ovunque se consideriamo che lo stesso nostro pianeta ne è stra ricchissimo.
Per capire se abbiamo l’allergia al nichel e per comportarci quindi di conseguenza nella scelta degli alimenti, bisogna analizzare determinati sintomi che possono partire dalla dermatite da contatto sul viso e sulle mani, alla afte o infiammazione della bocca e delle gengive, malessere diffuso, senso di nausea e mal di testa.

Letture Consigliate per chi soffre di allergie al nichel

Cosa fare quando si manifesta l’allergia al nichel?

La soluzione, se è conclamata e porta a sintomi importanti, è senza dubbio l’eliminazione completa dal mangiare alimenti che contengono nichel. Tutto gli alimenti che hanno un alto contenuto di nichel vanno eliminati. I miglioramenti sono abbastanza veloci e infiammazioni e problemi intestinali vanno piano piano riducendosi.

Riepilogo e decalogo di come comportarsi

Riepilogo completo degli alimenti che è consigliato eliminare:

tutti quelli in scatola;
asparagi, funghi, cipolle ,spinaci, pomodori, legumi, lattuga, carote;
farina integrale, farina di mais;
pere, prugne, uva passa;nocciole, mandorle, arachidi;
tè, cacao;margarina;lievito chimico;
aringhe, ostriche.

I cibi che possono essere consumati in piccola quantità sono invece:

cavoli, cetrioli;
farina 00;
riso brillato;
caffè;
olio di oliva;
uova;
frutta (eccetto quella citata in precedenza).

Infine gli alimenti che possono essere consumati liberamente:

tutte le carni;
pesce (tranne quello scritto in precedenza);
latte e derivati;
patate.

Bisogna sempre ricordare infine che oltre agli alimenti, è consigliabile difendersi dall’allergia al nichel evitando gli abiti con gioielli e in particolare attenzione proprio alla bigiotteria.

 

Vai alla home e scopri tutti i nostri approfondimenti!

RINFORZA I CAPELLI E FERMA LA CADUTASCOPRI DI PIU'