Salute Benessere Diete

Tutto sulla salute, ogni cosa per il benessere, consigli per le diete!

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Allergia all' istamina alimenti ricchi e consigli

Salute - Allergie nelle sue varie forme
Sabato 20 Agosto 2011 12:40
AddThis Social Bookmark Button

L'istamina è contenuta dentro molte varietà di cibi, ma ad alcune persone però può dare allergia. Le persone che soffrono quindi di questa allergia all' istamina e hanno una iper reattività della pelle, dovrebbero seguire i consigli di seguito.

Mantenere sempre una buona lubrificazione della pelle, con creme emollienti tipo la vasellina. 
Ridurre il prurito con antistaminici solo se è molto intenso.
Non sottoporsi a bagni troppo caldi ed evitare di usare sapone quando ci si lava, meglio infatti usare dei detergenti che non sono a base di sapone.
Evitare di esporsi ad un caldo intenso, per non incappare in eccessiva sudorazione con conseguente prurito e irritazione
Stare alla larga da indumenti sintetici o lana pura. Per i più piccoli è meglio usare indumenti intimi che sono a base di plastica.

Gli alimenti che sono hanno una grande quantità di istamina e che quindi andrebbero eliminati, sono i seguenti:

Cibo fermentato
Bevande fermentate come il vino e la birra.
Tonno e alici che sono mantenuti in scatola.
Pomodori, spinaci, pesce surgelato, acciuge conservate, fegato di maiale.
Crostacei e frutti di mare in genere.

Gli alimenti che invece possno giovare a chi è allergico all' istamina sono:

Albume, molluschi, fragole, cioccolata, pesce, ananas, alcool, caffè, derivati delle noci di cola.

istamina-allergia-intolleranza-alimentiL'istamina comunque è per ogni uno di noi un elemento costituente e già presente in certe quantità nell'organismo. E' inattiva nelle cellule, mentre quando è in piccole quantità in forma libera ha un importanza marginale in quanto le quantità sono veramente minime.

L'eliminazione dei cibi che però contengono alte quantità di istamina, non dovrebbero essere eliminati per sempre. E' opportuno infatti limitare l'assunzione per certi periodi per poi ritornare ad un consumo normale. Infatti ogni alimento eliminato dalla dieta per far fronte all'alergia all' istamina, porta ad un aumento dell'assunzione di cibi alternativi che contengono meno questa sostanza. Aumentando il cibo con basso contenuto di istamina per sempre, porta ad andare in contro al rischio di diventare intolleranti a questi ultimi cibi, entrando in  un circolo vizioso che porta a non avere poi più alternative per combattere questi problemi di allergia.

Quindi il consiglio è di impostare una dieta a rotazione temporale, che preveda la localizzazione precisa dell'elemento che causa allergia e procedere con una rieducazione dell'organismo molto lenta e costante.


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti web

Login sito e forum

Pubblicità

Ultimi commenti